lavoro politico

Scheda storica di presentazione


Lavoro Politico  

nasce storicamente a Verona nell'ottobre 1967 attorno a W.Peruzzi e a un collettivo teorico-politico costituitosi nell'esperienza del Centro di informazione di Verona. Ma allarga subito la sua redazione a esponenti veneti e trentini dell'area m-l, ponendosi rapidamente como polo di aggregazione teorica dell'area stessa, secondo le intenzioni dichiarate fin dal primo numero con l'articolo di apertura Senza teoria niente rivoluzione.
La rivista si struttura in alcune sezioni: gli editoriali e la rubrica "Orientamenti" per la lotta teorica, "Teoria e lotta politica in Italia" per il programma politico e l'analisi della realtà di classe italiana, un inserto da dedicare monograficamente ad analisi di singoli problemi. La presa di posizione a favore della rivoluzione culturale proletaria in Cina (1966-68), è condotta in aperta polemica con la sottovalutazione della stessa rivoluzione culturale da parte delle organizzazioni marxiste-leniniste allora esistenti, cui si rimprovera burocratismo, codismo politico e recupero acritico e solo scolastico della tradizione terzinternazionalista. Al tempo stesso i diversi inserti forniscono materiale di analisi e documentazione con coerente orientamento m-l (sulle occupazioni universitarie, sul potere nero, sul revisionismo, sui gruppi minoritari economicisti e operaisti etc..) che agiscono da orientamento ideologico unificante per la nuova tendenza in formazione. Le occupazioni universitarie e le lotte del movimento studentesco, pur valorizzate, sono così guardate con sospetto critico per la tendenza 'spontaneistica' che esprimono e per la sottovalutazione della necessità di costruire il partito rivoluzionario marxista-leninista. Ad ogni modo, LP riesce a costruire un fitto reticolato di contatti con alcune delle pi¨ significative esperienze del Mov. Stud. (da UniversitÓ Negativa di Trento a Sinistra Universitaria di Napoli al Mov. Stud. Pisano)

La redazione aderisce infine al PC (m-l) ponendosi come corrente che favorisce la spaccatura tra "linea rossa" e "linea nera" e chiudendo le pubblicazioni col num.11-12 del 1969.

Lavoro Politico e Il Partito

Il Partito - preceduto da un numero unico (gennaio 1969) che comunica la crisi del PCd'I (m-l) con l'espulsione degli avversari dal comitato centrale: il congresso straordinario e la nascita del nuovo partito, il PCd'I (m-l) - Linea Rossa, raggruppa intorno ad Angelo Gracci (il partigiano 'Gracco'), Sartori e Balestri anche i gruppi collegati alla rivista Lavoro Politico. Il primo numero esce nel marzo 1969 e nei primi tempi il nuovo giornale conduce una durissima denunzia del revisionismo e della linea nera dell'altro PCd'I (m-l) che mantiene come organo Nuova UnitÓ. Il giornale vive fino al 1973 grazie soprattutto all'opera di Gracci. 

PARTITO COMUNISTA D'ITALIA ML (LINEA ROSSA)

Risultato dalla scissione operata dal PCd'I ml nell'ottobre del '68 da Gracci, Sartori, Peruzzi e Balestri, ecc.  Da subito riscuote le simpatie della base giovanile del partito appena abbandonato e sembra prevalere sui concorrenti della linea nera, poi il mancato riconoscimento da parte cinese innesca un processo di travaso a favore di Nuova UnitÓ. Il gruppo di Gracci si distingue per˛ per una linea di sinistra rispetto alla questione sindacale e per una struttura organizzativa meno centralista. Dopo una serie di scissioni, la principale seguita all'espulsione di Peruzzi e a favore dell'Unione Comunisti Italiani, nel '73 cessa le pubblicazioni del suo organo Il Partito e nel 1977 confluisce in DP.



 



 

CE N'EST QUE UN DEBOUT, CONTINUONS LE COMBAT!


 
 

DA DOVE VENIAMO:
La galassia marxista-leninista e il PCd'I-Linea Rossa nel 1968
 

Angiolo Gracci (fondatore):la vita, gli scritti
Ferdinando Dubla (direttore):biografia e opere





LAVORO POLITICO